Chiesa di Sant'Ambrogio, Barbengo

Via alla Chiesa 1, 6917 Barbengo (Lugano)

Cenni storico-artistici

La chiesa, il cui aspetto odierno è frutto di diversi rimaneggiamenti e ampliamenti susseguitisi nel corso dei secoli, troneggia in posizione isolata su un terrazzo panoramico con ampia vista verso il Pian Scairolo.

 

Il campanile neoromanico, distinto dalla chiesa e in posizione più elevata, è stato progettato da Costantino Maselli e costruito da Costantino Papa nel 1883. Importanti lavori di restauro sono stati eseguiti nel 1966, mentre nel 1985 è stato completamente sostituito il tetto e posato un parafulmine.

 

L’interno si presenta a pianta longitudinale, a navata unica orientata e ricoperta da una volta a botte che culmina in un coro suddiviso in due campate con volta a vela e abside rettangolare. Un arco trionfale separa il presbiterio dalla navata e dalle due cappelle laterali sottolineate all’entrata da due pilastri che sostengono un arco a tutto sesto. Raffinati stucchi e pregiati affreschi, prevalentemente sei-settecenteschi, adornano il complesso.

 

Le pareti del presbiterio sono decorate con due episodi della Passione di Cristo, di artista ignoto, databili a inizio Seicento. Su quella Nord rimane un frammento di un’Ultima cena, mentre su quella Sud è rappresentata la scena dell’Orazione nell’Orto di Getsemani, resa molto lacunosa a seguito dei lavori realizzati nel corso del Settecento.

 

In quest’ambiente è pure presente una pala d’altare in stucco che ritrae Sant’Ambrogio, patrono della chiesa, nel momento dell’elezione a vescovo.

Nella volta della navata spicca la maestosa rappresentazione di Sant’Ambrogio che battezza Sant’Agostino realizzata negli anni Trenta del secolo scorso.

 

Sopra l’entrata della cappella del battistero è appeso un dipinto dell’artista Giovanni Gasparro, esponente di spicco dell’arte sacra contemporanea, dedicato a Santa Monica, madre di Sant’Agostino.

 

La cappella della Madonna del Rosario ospita una scultura lignea devozionale sei-settecentesca che ritrae Maria con il Bambino colta nell’atto di porgere il rosario ai fedeli. I dipinti murali della volta sono attribuiti ai cugini Giacomo (1620-1667) e Andrea Casella (1619-ante 1672) da Carona.

 

La cappella di fronte, rimaneggiata più volte, è dedicata a Sant’Antonio di Padova.

 

(Testo a cura di Louise Dalmas)

PHOTO-2021-01-06-15-12-45
Sant'Ambrogio Barbengo Madonna del Rosario

Affreschi preziosi

Cotti Sant'Antonio
Dettaglio Sant'Antonio Cotti

"Santa Monica"

Giovanni Gasparro

 

Santa Monica, 2018

 

Olio su tela, 49 x 66 cm

 

Firmato sul retro: “Giovanni Gasparro 2018”

 

Nato a Bari nel 1983, l’artista si è diplomato nel 2007 presso l’Accademia delle Belle Arti di Roma.

Le sue opere, esposte in diverse gallerie e chiese italiane, nonché estere, sviluppano prevalentemente temi sacri.

A disposizione il santino con la preghiera approvata

Sostieni questo progetto

Vuoi maggiori informazioni